HomeEntertainmentFabbricante di lacrime

Fabbricante di lacrime

Date:

Related stories

spot_imgspot_img

Recensione di
Paola Casella

mercoledì 3 aprile 2024

Nica porta il nome di una farfalla e un ciondolo a forma di farfallina che le ha regalato la madre. Ma quando i suoi genitori muoiono in un incidente d’auto, Miss Margaret, la dirigente dell’orfanatrofio soprannominato Grave che la accoglie (si fa per dire), le fa strappare la collanina da Rigel, il suo pupillo, un bambino che lei definisce problematico e che suona divinamente il piano. Nica unisce le forze con l’amica Adeline e insieme sopravvivono ad anni di botte e punizioni da parte di Miss Margaret, che riserva un trattamento privilegiato solo a Rigel, il bambino che tutti vorrebbero adottare, ma che sistematicamente rifiuta i potenziali genitori adottivi ed è scontroso soprattutto con Nica.

Quando la ragazza raggiunge i 16 anni una coppia gentile che ha perso un figlio si presenta per prenderla in affidamento di prova, nell’ottica di trasformarlo in adozione. Ma insieme a lei chiama a sé anche Rigel, che inaspettatamente accetta, ma continua ad essere brusco con Nica e la ragazza, che prova verso di lui un’inspiegabile attrazione, non se ne spiega il motivo.


Fabbricante di lacrime è il film che Alessandro Genovesi ha tratto dal best seller di Erin Doom che, nonostante il nome e cognome anglosassone, è una scrittrice italianissima.

La sceneggiatura è di Genovesi ed Eleonora Fiorini, e fra i produttori figura Iginio Straffi, il creatore delle Winx. Il film è stato girato in parte a Cinecittà World e la cittadina americana immaginaria in cui si svolge la storia è stata creata dal nulla, immaginandola come un incrocio fra il set di un tv movie Disney e… “Le avventure di Tom Sawyer”. Ed è qui che iniziano le domande: perché portare sullo schermo un film che riproduce i teen movie americani in tutto e per tutto, popolato di personaggi yankee che però parlano in italiano e sono interpretati da attori nostrani? Ciò che magari sulla pagina stampata può sembrare credibile, sullo schermo diventa surreale, e soprattutto appare come il duplicato asettico di una realtà di importazione.

Anche la trama, che ha incontrato il successo fra i giovanissimi, è davvero stravista, le battute retoriche, le ambientazioni riciclate, il mix horror-fantasy-romance ormai una consuetudine, e i personaggi più stereotipati che archetipali: il bad boy, la brava ragazza che ha tanto sofferto, l’amica pimpante e quella androgina, il palestrato arrogante, e così via. Perché rifarsi ad un immaginario che persino in America sta mostrando la corda, quando in Italia serie teen come SKAM Italia e Prisma hanno già da tempo aggiornato l’immaginario dei ragazzi, ibridandolo con quello anglosassone senza imitarlo pedissequamente?

I giovani interpreti fanno quello che possono, quelli adulti sono confinati a una recitazione impersonale, le svolte sono prevedibili e poco drammaturgicamente sviluppate (una per tutte: quella di Peter). I ragazzi che hanno amato il romanzo si precipiteranno comunque a guardare il film in piattaforma, ma per tutti gi altri sarà probabilmente difficile capire il senso di questa operazione.



Tratto dall’omonimo best-seller, un film molto atteso, dedicato ai più giovani.

Overview di
Silvia Guzzo

giovedì 14 marzo 2024

Dopo il giallo tutto al femminile 7 donne e un mistero (2021), Alessandro Genovesi torna dietro alla macchina da presa per dirigere l’adattamento cinematografico di uno dei romanzi contemporanei più amati dagli adolescenti, “Fabbricante di lacrime”. Nato, come After, nel paradiso delle fanfiction Wattpad – la piattaforma di scrittura su cui l’autrice aveva condiviso la storia a puntate – il bestseller di Erin Doom è stato infatti il libro più venduto del 2022, trasformandosi in un grande caso editoriale. Rimasta a lungo nell’anonimato firmando l’opera sotto pseudonimo, la giovane scrittrice ha rivelato solo nel 2023 la propria identità nel corso della trasmissione di Fabio Fazio “Che tempo che fa”.


In seguito all’enorme successo del romanzo, Colorado Film ne ha acquisito i diritti di trasposizione cinematografica per dar vita a un lungometraggio che a partire dal 4 aprile 2024 sarà distribuito su Netflix.


Protagonista della storia che ha fatto sognare le giovani donne di tutta Italia è la diciassettenne Nica. Amante degli animali e di tutte le creature viventi, Nica ha trascorso una terribile infanzia in orfanotrofio, dove ha conosciuto il piccolo Rigel, un bambino dagli occhi neri che come lei era stato abbandonato dai genitori. I due sono cresciuti accompagnati dalle storie e dalle leggende che animavano le mura dell’orfanotrofio: quella più avvincente riguardava l’enigmatica figura chiamata “fabbricante di lacrime”, un oscuro artigiano colpevole di aver forgiato le paure che affliggono il cuore degli esseri umani.

Una volta compiuti diciassette anni, Nica ha finalmente la possibilità di lasciare l’orfanotrofio per andare a vivere con gli amorevoli coniugi Milligan, che hanno deciso di adottarla. Nella nuova casa, però, si trasferirà anche Rigel, l’ultima persona con cui la ragazzina desidererebbe trascorrere le proprie giornate. Sebbene infatti siano uniti da un doloroso passato comune, Nica e Rigel non vanno d’accordo e la convivenza tra loro pare essere impossibile, soprattutto quando la leggenda del fabbricante di lacrime inizia a insinuarsi nelle loro vite.

Nei panni della dolce Nica ci sarà la giovanissima Caterina Ferioli, al suo esordio da attrice. Classe 2003, Ferioli comparirà prossimamente anche al fianco di Vittoria Puccini e Giacomo Giorgio nella serie televisiva Belcanto, dedicata alle origini dell’Opera in Italia.


L’affascinante e misterioso Rigel sarà invece interpretato dal rapper Simone Baldasseroni, in arte Biondo. Il cantante ha già alle spalle qualche esperienza nel mondo della recitazione: nel 2016 ha infatti partecipato al documentario vincitore di un David di Donatello Crazy for Football; nel 2020 era insieme a Marco Giallini, Isabella Ferrari, Giuseppe Battiston, Claudia Pandolfi e Vincenzo Salemme nella commedia di Rolando Ravello È per il tuo bene; mentre nel 2024 ha lavorato con Fabio De Luigi in 50 km all’ora, rivisitazione dell’omonimo film tedesco campione di incassi.

Al cast si aggiungono anche le stelle di TikTok Nicky Passarella e Alessandro Bedetti. I due giovani content creator appariranno per la prima volta in un film interpretando, rispettivamente, l’amica della protagonista Billie e il suo spasimante Lionel.


Sei d’accordo con Silvia Guzzo?

Scrivi a Silvia Guzzo

- Never miss a story with notifications

- Gain full access to our premium content

- Browse free from up to 5 devices at once

Latest stories

spot_img